blog

La sovrappopolazione, un rischio per l’umanità 

7.673.033.260. Non è un numero a caso o qualche risultato di una moltiplicazione impossibile. È il numero di persone che abitano la Terra. Il nostro pianeta ha una superficie di 148.939.063 km² ed una densità di popolazione di 48 persone per km2. La Cina detiene il primato di paese più popolato al mondo con 1,4 miliardi di persone che compongono la popolazione mondiale in un unico stato. Segue poi, non distanti dalla Cina, l'India con 1,3 miliardi, e gli Stati Uniti d'America con quasi 4 milioni di abitanti. Lo scopo dell’umanità, come quello delle altre specie animali, è quello, scientificamente parlando, di assicurare il progredire della specie e mantenere l'evoluzione. Ma forse le cose ci sono sfuggite un po' di mano.

Il mondo in una stanza

Siamo in uno stato di sovrappopolazione e non è una situazione molto tranquilla. È come se in un'unica casa di 80 mq dovesse viverci una sola famiglia composta da madre, padre, figli, nonni, zii, cugini , prozii e cugini di secondo grado. Lo spazio sarebbe limitato per tutti, bisognerebbe vivere uno sopra l'altro nel vero senso della parola ed un solo frigorifero non basterebbe a contenere cibo per sfamare tutti. Questa è un po' la situazione odierna, in cui la stanza è il mondo intero e il frigo sono le risorse alimentari disponibili. Siamo veramente troppi e la Terra non riesce più a sopportare il carico di una popolazione che chiede in continuazione di essere sfamata. Le risorse si stanno esaurendo, alcune perché limitate, altre perché stanno scomparendo al di là del consumo che ne fanno gli uomini. Bensì, l'altra causa risiede nell'inquinamento, responsabile dei cambiamenti climatici che influenzano a loro volta cambiamenti nello sviluppo e nella diffusione della flora e della fauna. Molto sono difatti, le specie a rischio d'estinzione, sia nel mondo animale che in quello vegetale ed è importante, anche per la specie umana, salvaguardare queste popolazioni, poiché di rimando salveremmo noi stessi.

Come siamo arrivati a questo punto

Le cause di questa condizione sono da ricercare in particolar modo in una disinformazione riguardo l'educazione sessuale. Anche nel nostro paese, non sono ben conosciuti dai giovani i rischi che si possono correre avendo rapporti non protetti. Non si parla solo di rimanere incinta troppo presto ed in momenti in cui non è possibile sostenere tutte le spese che servono per crescere un figlio, ma anche dello sviluppo di malattie a trasmissione sessuale, le quali possono essere più o meno gravi per la salute. Nei paesi poveri del mondo, anche volendo, non ci sono soldi per la distribuzione degli anticoncezionali, per cui in questi casi le donne non hanno nessuna possibilità di difendersi. In altre culture, l'uso degli anticoncezionali è considerato contro natura e quindi vietato, come è anche vietato in altri paesi, l'aborto. Queste sono condizioni estreme e sfortunate per le donne che sono costrette a viverle, fortunatamente in Italia basta andare in farmacia, oggi anche nelle farmacie online come Farmacie Marconi, ed acquistare tranquillamente gli anticoncezionali per assicurare una situazione stabile e sicura.